Green News‎ > ‎

Efficienza energetica: arriva il manuale Care+

posted Mar 18, 2011, 6:31 AM by Daniele Pulcini   [ updated Oct 19, 2011, 8:46 AM by Unknown user ]
Lo scopo del volume è sostenere il miglioramento delle performance energetiche delle Pmi chimiche

Nell’ambito del progetto Care+, cofinanziato dal programma Intelligent Energy Europe (IEE) della Commissione europea, coordinato dal Cefic (European chemical industry council) e partecipato da Federchimica, è stato sviluppato e reso disponibile il “Manuale Care+ per l’Efficienza Energetica nelle Pmi chimiche”.

Obiettivo del volume e del programma europeo nel suo complesso, è quello di sostenere il miglioramento delle performance energetiche delle piccole e medie imprese europee del settore chimico. Nello specifico, il progetto si rivolge a coloro che non hanno ancora maturato un’elevata sensibilità con riferimento ai costi dell’energia, per motivarli a intraprendere un percorso di auto-diagnosi energetica.

Il manuale nasce proprio per trasferite alle aziende le informazioni e il know how utili a far conseguire significativi obiettivi di risparmio energetico, migliorando la redditività d’azienda e quindi la capacità di competere nei mercati internazionali. Suddiviso in tre parti, il volume contiene la “Guida all’auto-diagnosi dell’efficienza energetica”, le “8 migliori prassi per l’efficienza energetica” e un workbook di raccolta dei dati energetici, funzionale al percorso di analisi della situazione energetica.

L’industria chimica dimostra così di essere sempre più consapevole delle sfide che deve affrontare il pianeta, quali il riscaldamento globale e la limitata disponibilità di risorse energetiche, e del proprio ruolo a di primo piano nel promuovere lo sviluppo sostenibile. Federchimica da tempo assicura un impegno concreto per perseguire il miglioramento continuo nelle aree della sicurezza, salute e ambiente attraverso l’iniziativa "Responsible Care", alla quale cui il progetto Care+ è complementare.

Tra i partecipanti al progetto Care+ vi sono, oltre a SC Sviluppo chimica per conto di Federchimica, il Cefic-Consiglio europeo dell'industria chimica (Belgio), Challoch Energy (Belgio), Certiquality (Italia), PCCI-Polish chamber of chemical industry (Polonia), Kape-Polish national energy conservation agency (Polonia), Bcci-Bulgarian chamber of chemical industry (Bulgaria) e Ees-Energy efficient systems (Bulgaria).


Estratto da http://www.chimici.info/chimica.html

Comments