Articoli‎ > ‎

Serre fotovoltaiche a Galtellì, lo strano percorso d'analisi del Comune

posted Mar 21, 2009, 10:17 AM by Daniele Pulcini   [ updated Mar 21, 2009, 10:27 AM by Unknown user ]
Commento di apertura

A leggere gli articoli apparsi sulla stampa in questi giorni circa la realizzazione di serre fotovoltaiche a Galtellì, in Provincia di Nuoro, si potrebbe avere il sospetto che una o più ditte private abbiano deciso di deturpare il territorio "camuffando" impianti fotovoltaici da serre per la produzione agricola.

 

Cosa dice la stampa

Articolo della Nuova Sardegna 18 - 03 - 2009

Fotovoltaico nascosto tra le piante

Angelo Fontanesi


 GALTELLÌ. Ettari di serre per la produzione di pregiate piante esotiche o impianti fotovoltaici a livello industriale camuffati e copiosi nelle piane agricole in spregio alle norme di tutela paesaggistica? A denunciare il pericolo di una elettrificazione selvaggia delle campagne baroniesi è il sindaco di Galtellì Renzo Soro in una lettera spedita l’altro ieri al Presidente della Regione Ugo Cappellacci e agli assessori regionali alla Difesa dell’Ambiente Emilio Simeone, agli Enti Locali Finanze e Urbanistica Gabriele Asunis, all’Agricoltura Andrea Prato e all’assessorato Difesa dell’Ambiente della Provincia di Nuoro.  «Nello scorso mese di febbraio - scrive il sindaco Soro - al Suap di questo Comune sono pervenuti due progetti di miglioramento fondiario relativi alla realizzazione di impianti serricoli con coperture fotovoltaiche in zone classificate “E”- agricole. Entrambi i progetti prevedono la copertura di vaste estensioni per produzioni energetiche termiche per la quale è stato avviato il procedimento amministrativo per il rilascio dell’autorizzazione provinciale prescritta dalla Legge Regionale numero 9 del 12 giugno 2006».  Impianti per i quali, spiega Soro, anche le più recenti direttive regionali in materia confermano l’esclusione della procedura di screening ambientale.  «In buona sostanza - riassume Renzo Soro - le direttive consentono la realizzazione di veri e propri impianti fotovoltaici, purché integrati architettonicamente, in spregio a qualsivoglia valutazione di tipo paesaggistico-ambientale».  Nello specifico le pratiche istruttorie presentate al Suap di Galtellì sono quelle di una ditta del cagliaritano e di una del ravennate e prevedono la realizzazione di due serre di vaste dimensioni. La prima di 3 ettari per prodotti ortofrutticoli e la seconda addirittura di 7 ettari per la coltivazione di Aloe. Serre che Soro teme siano state ideate ad hoc per permettere l’integrazione architettonica delle installazioni fotovoltaiche eludendo così ogni forma di controllo e di verifica di impatto ambientale. E ad allarmare ulteriormente il sindaco galtellinese è la notizia di imminenti presentazioni di ulteriori progetti di dimensioni ancora più vaste da parte di ditte estere. Da qui la richiesta alla Regione affinchè valuti la situazione esposta ed adotti i necessari provvedimenti per evitare irreparabili danni paesaggistici sull’intera Sardegna.  «Da tempo - sottolinea con una certa preoccupazione Renzo Soro - riscontriamo che il nostro territorio à visitato da società interessate alla realizzazione di impianti fotovoltaici attraverso impianti serricoli, con estensione per migliaia di metri quadri. Un fenomeno che sappiamo esistere anche in altre zone dell’isola. Da una attenta analisi delle norme e da diversi colloqui avuti con i funzionari regionali dell’assessorato all’Ambiente e all’Urbanistica, abbiamo accertato che nella materia specifica c’è non solo confusione ma anche incertezza giuridica. Per questo come giunta comunale - continua Renzo Soro - abbiamo deciso di chiedere chiarimenti agli organi competenti al fine di scongiurare il rilascio di autorizzazioni non corrette. Mi preme sottolineare che da parte nostra non esiste nessun pregiudizio ideologico in merito alla realizzazione di impianti per la produzione di energia alternativa - conclude il primo cittadino - in coerenza con i trattati internazionali di Kyoto. Ma non si può prescindere dal pretendere che il tutto avvenga attraverso un percorso di norme e leggi chiari».

Il nostro punto di vista

Il punto è che, chiunque abbia promosso il progetto, le serre sono delle strutture concrete e definite ed è un bene che abbiano integrato del fotovoltaico.
Comments